Quando l’influenza cancella le corse dei treni

Co-Cant“Sono stati gli stessi pendolari a denunciare la soppressione di alcune corse, in qualche caso dovuta a improvvise scoperture di turno da parte del personale ferroviario, in un periodo in cui l’influenza decima momentaneamente anche le forze lavoro sulla linea ferroviaria Como-Lecco. Con la conseguenza di attendere, ad esempio, un’ora per salire sul convoglio successivo; o di essere costretti a scegliere altri mezzi di trasporto diversi dal treno per ritornare a casa”.  Il quotidiano La Provincia di Como, qualche giorno fa (22 febbraio) in un articolo a firma Christian Galimberti, ha analizzato un fatto sconcertante che sta interessando nuovamente questa nuova linea ferroviaria locale.Continuiamo nell’analisi citando altri passi dall’articolo: “Il fenomeno ha iniziato a far capolino, soprattutto, a partire dal mese di febbraio. E per gli utenti del servizio  significa inaffidabilità sulle poche certezze di prima: le otto corse al giorno per direzione che consentono di unire Cantù ai due capoluoghi di provincia. Mercoledì è stato cancellato il treno in partenza da Como San Giovanni alle 18.41. I pendolari hanno dovuto attendere, per sessanta  minuti, il treno delle 19.41. E rientrare a casa in ritardo dal lavoro. Trenord è riuscita invece a trovare una soluzione tampone per il treno che sarebbe dovuto partire da Molteno alle 19.37. In questo caso, l’improvvisa mancanza del personale, motivo anche della prima cancellazione, è stata risolta con un  bus sostitutivo. A queste si assommano le soppressioni del 6 febbraio. Tre cancellazioni, per variazioni di turno del personale, e un treno trasformato in bus. «Le soppressioni – riferisce Cristina Vaccani, portavoce dei pendolari Como-Lecco – mi sono state segnalate da alcuni pendolari. Ma sicuramente altre persone  hanno dovuto arrangiarsi come hanno potuto». Sembra che non sia la prima volta che si sopprimono treni senza garantire servizi sostitutivi – prosegue la portavoce per cui poi ci si arrangia come si può. Purtroppo è subentrata la rassegnazione. Penso sia doveroso che il personale debba informare almeno quali sono i motivi per cui i treni vengono soppressi: in un caso, otto persone hanno chiesto al dirigente di movimento. Ma senza avere dettagli. C’è chi è dovuto tornare a casa prendendo il bus di linea». Da Milano, l’ufficio stampa di Trenord ricorda che la trasparenza, sui motivi che comportano variazioni delle corse, è garantita – anche via sms, gratuitamente – dal profilo Twitter”.

Annunci

One thought on “Quando l’influenza cancella le corse dei treni

  1. Lasciano qualche dubbio queste assenza per influenza quando non c’è nessuna epidemia in corso.
    C’è però stato un clicenziamento di responsabili dei turni del personale coinvolti nella truffa degli straordinari d’oro resa nota da Trenord qualche tempo fa.
    Uno più uno di solito fa due…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...