Diario di Cento Anni fa…24 Novembre 1914

DiarioEra un martedì. Guerra nei cieli . Africa orientale – in seguito ad un volo radente un tenente della Royal Navy scopre, ancorato a 20 km. dal delta del fiume Rufiji un modello di idrovolante tedesco ancora segreto, Königsberg.

Fronte Occidentale. Fiandre – truppe indiane riconquistano tra Armentieres e La Bassee le loro trincee perse il 15 novembre. Cento tedeschi vengono fatti prigionieri.

Fronte orientale. Polonia : La III guardia di Divisione Fanteria tedesca riconquista e distrugge le posizioni perse in precedena ad opera della VI divisione siberiana a Brzeziny.

Guerra nei mari. Mare del Nord : 3 incrociatori britannici della Harwich Force, nel tentativo di colpire per primi nell’isola di Helgoland , riescono a resistere ad un attacco degli idrovolanti tedeschi.

Fronti interni. Regno Unito: La paga degli ufficiali è aumentata a 7 scellini e 6 pence al giorno.

Annunci

Diario di Cento Anni fa…23 Novembre 1914

 Diario

Diario di Guerra di lunedì 23 novembre 1914:

Fronte orientale - Polonia: Le forze tedesche avvio una manovra che li porta a scontrarsi con le linee russe in Rzgov-Koliuszki, a sud est di Lodz. La temperatura di notte scende a -12°.

Fronte Occidentale - Ypres: L'odio gioca brutti scherzi ai suoi fautori. L'artiglieria tedesca porta un pesante attacco contro la Cattedrale e il Palazzo municipale della località francese infertendo notevoli danni.

Fronte meridionale - Serbia: Le truppe serbe evacuano la linea Maljen. La Prima Armata si separa dal resto dell'esercito per contrastare le unità di Austria-Ungheria che, comunque, proseguono lentamente per permettere l'avvicinarsi delle colonne di approvvigionamento.

Medio Oriente - Mesopotamia: I britannici attaccano le posizioni turche a Qurna, a 75 km. da Bassora, alla confluenza del Tigri e dell'Eufrate.
Guerra navale - Dintorni della Manica: U-21 affonda un piccolo piroscafo britannico a Le Havre. Mare del Nord : Un U-18 penetra nella baia di Scapa. L'U-boat tedesco viene speronato riuscendo ad ancorare nei pressi della foce. L'attacco però si rivela fatale per il cacciatorpediniere Garry che è costretto ad arrendersi: 26 dei 27 membri dell'equipaggio possono essere salvati.

Politica - Portogallo: Il Congresso autorizza il governo a partecipare alla guerra a fianco degli Alleati se lo si ritiene opportuno.
Messico: Le ultime truppe americane evacuano Veracruz.
Svizzera: Il governo accusa gli aviatori britannici che, nel loro bombardamento su Friedrichshafen, hanno sfruttato lo spazio aereo elvetico. Il governo britannico si rammaricherà di questo il 3 dicembre.

Polo culturale a 360°: a Cernobbio è rinata “Villa Bernasconi”, uno dei gioielli liberty del Comasco

Villa BernasconiTra la fine del XIX secolo ed il primo decennio del XX anche in Italia si diffuse il vasto movimento artistico passato alla storia come “liberty”, dal nome del negozio di un commerciante in oggetti orientali in quel di Londra ovvero “Arthur Lasenby Liberty”. Le costruzioni, così come le espressioni artistiche, di questo movimento traevano particolare ispirazione dalla natura e dalle varie forme vegetali e diedero così vita ad un particolare stile completamente originale, caratterizzato da un’eleganza decorativa portata addirittura agli estremi. Continua a leggere

Diario di Cento Anni fa…22 Novembre 1914

Diario100 anni fa sui diversi fronti di guerra nel giorno di domenica 22 novembre 1914:
Fronte occidentale. Guerra nei cieli. I tenenti A. Strange e F.G. Small, del V squadrone RAF, di ritorno da una missione di ricognizione con un Avro 504, si incontrano, ad un’altezza di 2.100 metri, con un velivolo tedesco Albatros. L’aeroplano tedesco, dopo lo scontro a fuoco, è costretto ad un atterraggio di emergenza nei pressi di Neuve - Eglise (a sud ovest di Messines), dietro le linee inglesi. I due piloti tedeschi vengono arrestati dopo essere anche presi a calci appena scesi dal velivolo. I britannici avevano colpito l’aereo tedesco in almeno 20 occasioni. Intanto il comandante della Royal Flying Corps, il Maggiore Generale Sir D. Henderson, viene temporaneamente nominato comandante generale della I Divisione britannica fino al 20 dicembre in sostituzione del colonnello F. H. Sykes.
Fiandre - Si conclude la prima battaglia di Ypres conclude . Dopo aver resistito alle prime incursioni dell'11 novembre ed aver risposto con azioni siolate, i tedeschi devono arretrare di fronte all'avanzata del British Expeditionary Force che riconquista ben 35 km della prima linea Givenchy. Nelle trincee britanniche si registrano le prime malattie respiratorie dei soldati dovute all'arrivo del freddo invernale.
Fronte orientale. Polonia: Mackensen si avvicina a Lodz ma le munizioni delle sue armate sono scarse e più intensa la resistenza russa. La Divisione siberiana 6 sorprende a Barzeziny nel Nord-Est della Polonia 60.000 truppe tedesche che hanno avuto ricevuto l'ordine di ritirarsi. Il generale Ivanov sconfigge le truppe austro-ungheresi, che registrano perdite per 6.000 uomini, in parte prigionieri di guerra, sul fronte Cracovia-Tschenstochow.
Fronte meridionale. Serbia: La V armata dell'Austria-Ungheria attacca sulla linea Kolubara e conquisterà il 25 novembre Chopka e Konatitsa insieme a 8.000 prigionieri e 42 cannoni.
Medio Oriente. Armenia: I russi occupano Köprüköy dopo che le truppe turche si sono ritirate perdendo 7.100 uomini.
Fronti africani. Sud Africa: Il leader dei ribelli De Wet viene scovato ad ovest del Paese e quindi fugge verso la parte orientale.

Attività dei servizi segreti ed iniziative politiche. La Triplice Allenza istituisce un'agenzia trinazionale per lo spionaggio a Folkestone, sulla costa sud della Gran Bretagna, per le segnalazioni nelle retrovie del fronte occidentale tedesco grazie alle informazioni di alcuni agenti.
Grecia: Gli Alleati offrono (invano) il governo del sud dell'Albania in caso di sostegno militare dei greci alla Serbia.

Diario di Cento Anni fa….21 Novembre 1914

DiarioEra un sabato....diario di guerra....iniziamo dal fronte occidentale:
Germania: primo attacco strategico dell'Inghilterra a lungo raggio: tre Avro 504 della Royal Navy partono da un aeroporto temporaneo a Belfort, in Alsazia per colpire la Zeppelin a Friedrichshafen. Ogni aereo trasporta 4 bombe da 20 libbre. La Zeppelin risulta gravemente danneggiata perché viene distrutto un serbatoio di idrogeno a gas e vengono danneggiate le fabbriche. La possente contraerea teutonica colpisce però un aereo che deve effettuare un atterraggio di emergenza. Il pilota, uscito dalla carlinga, attacca i civili che gli si avvicinano ma alla fine viene gravemente ferito, dopodiché viene arrestato.
Francia: Il futuro asso combattente Guynemer viene accettato come apprendista meccanico presso l'aeroporto di Pau.

Mare del Nord : Tutti gli idrovolanti della Royal Navy e gli hangar della stazione idrovolanti a Scapa Flow vengono distrutti in una tempesta.

Fronte meridionale - Serbia : Il XI Corpo d'armata austro-ungarico sfonda il Maljenline Gukoshi serbo. A Belgrado i cannoni navali francesi, sparando 78 granate, affondano un'imbarcazione austroungarica.

Medio Oriente - Mesopotamia : le truppe britanniche occupano Bassora (invasione formale il 23 novembre , con sei tedeschi arrestati ).



			

Lo sport, strumento per un’effettiva integrazione sociale a 360°

ParalimpiadiLo sport è una delle attività che consente ai disabili di essere parte integrante della società”. Basta questa considerazione per descrivere l’importanza che ricopre l’attività sportiva per ogni persona con handicap fisico o mentale. E sono state proprio queste le parole con cui Nicola Stilla, presidente regionale della FAND (Federazione Associazioni Nazionali Disabili), ha aperto a Como il convengo “Sport e disabilità”, momento di approfondimento che ha caratterizzato la II giornata di primavera organizzata dal Comitato FAND a Como ed al quale sono intervenuti tre atleti disabili che hanno raccontato la loro esperienza sportiva che si è tradotta soprattutto in un’esperienza di vita che, proprio grazie all’attività sportiva, ha trovato maggiore pienezza. “A prima vista non esiste nulla di più lontano nell’immaginario collettivo tra lo stato di disabilità e la pratica sportiva – ha rilevato nella sua introduzione Stilla -. Eppure grazie allo sport tutti condividiamo allo stesso modo gioie e amarezze. La pratica sportiva, infatti, elimina le differenze fisico-sensoriali tra le persone oltre ad essere strumento per un maggior benessere”. E proprio questo è stato al centro dell’intervento di Mario Mazzoleni, presidente del Gruppo Sportivo Ciechi Lariani, che ha raccontato la sua vita sportiva sugli sci: “Nel 1977, quando abbiamo iniziato a cimentarci in questo sport, era ancora radicata l’idea che lo sci fosse assolutamente impraticabile per ciechi o ipovedenti. I fatti hanno dimostrato come questo pensiero fosse del tutto errato. Basta soltanto vedere quanto appena accaduto a Sochi in occasione degli ultimi giochi invernali Paralimpici. Infatti non esiste altra attività che ci dà massima libertà in quanto la nostra pratica non è delimitata da corsie. Soltanto una piccola trasmittente, che ci consente di interagire con la nostra guida, ci differenzia da ogni altro sciatore”.

Valentino Statella, raccontando la propria esperienza personale, invece ha sottolineato come lo sport sia una fondamentale occasione per una valorizzazione personale. Grande appassionato di pesistica e di body building, Statella ha perso l’uso delle gambe in seguito ad una lesione alla colonna vertebrale dopo un incidente stradale. “Per un anno non me la sono sentita di uscire di casa. Le difficoltà sono, infatti, notevoli – ha commentato -. Poi ho ritrovato uno dei pesi che utilizzavo e sono tornato ad allenarmi. I carichi di lavoro crescevano ed alla fine l’attività a casa non era più sufficiente. Così sono tornato in palestra. Nei primi momenti gli altri atleti erano pronti ad aiutarmi. Dopo un po’ sono stato io a diventare esempio per loro. Lo sport mi ha aiutato a ricreare quell’autostima in me stesso che la disabilità sembrava aver compromesso. Da qui la decisione di mettere a disposizione degli altri le mie conoscenze sportive. Oggi sono allenatore di una squadra di disabili che gareggia insieme ad atleti normodotati con ottimi risultati”. “Lo sport è un veicolo che consente di reagire e di affrontare la vita, impedendo di cadere nella disperazione” ha concluso Statella che, ricordiamo, è anche responsabile del Comitato Paralimpico.

Ma lo sport per disabili non è solo individuale bensì anche di squadra come ha ben raccontato Matteo Cani nella sua illustrazione del baseball per ciechi, disciplina sportiva creata da ex giocatori del BC Bologna nel 1994: “Il baseball per ciechi rappresenta uno sport dove una persona cieca o ipovedente gode della massima autonomia per quanto riguarda non solo la corsa lungo il diamante ma anche nella fase di battuta. L’unica cosa cui bisogna prestare attenzione, infatti, sono i segnali sonori che permettono di indirizzare la propria corsa verso una base”.

Tre discipline diverse, tre esperienze differenti per dimostrare come l’attività fisica e sportiva siano artefici di una sola finalità. Consentono infatti la socializzazione e la reintegrazione sociale permettendo di superare ostacoli, barriere o limiti così da permettere a tante persone di superare al meglio le proprie difficoltà di ogni giorno.