Comasco, terra di fusioni (ma anche scissioni) Comunali. Ben 95 dal 1861!

Fusione di ComuniTra progetti altisonanti, lanciati in grande stile sugli organi di informazione per poi essere quasi subito ritrattati nei giorni successivi (si pensi, ad esempio, alla discussione sul progetto “Grande Erba” risalente a qualche settimana fa), ed altri contesti dove invece di fusioni sembra proprio che non se ne voglia sentir parlarne (come nel porlezzese) il territorio comasco vive comunque una stagione di “fermento” e possibili cambiamenti a livello amministrativo comunale. Da questo punto di vista, infatti, non mancano discussioni e proposte che sembrano improntanti a sortire comunque un effetto pratico, anche se diluito sul medio o lungo periodo. Continua a leggere

In Lombardia si cercano di disegnare nuovi scenari per la “Vita indipendente” dei disabili

vita-indipendenteNegli ultimi tempi la disabilità è tornata prepotentemente alla ribalta degli organi di informazione locali soprattutto per la mancanza di senso civico registrata nei due principali centri della Brianza comasca (Cantù e Mariano Comense) da parte della popolazione verso la categoria. Nel mirino della stampa è finita (giustamente!) l’occupazione impropria dei posti auto riservati ai disabili dalle rispettive Amministrazioni Comunali da parte dei soggetti più disparati. In ogni caso il tema della disabilità rimane strettamente d’attualità anche per tutta un’altra serie di motivi. Innanzitutto perché proprio in queste settimane in Regione Lombardia sono state presente due proposte di legge dedicate alla “Vita indipendente” che portano la firma, rispettivamente, del Partito Democratico e del Movimento 5 Stelle. Due testi che traggono ispirazione dai contenuti del piano nazionale sulla disabilità che sancisce, appunto, il diritto alla vita indipendente. Il Governo Renzi, infatti, ha stabilizzato il Fondo nazionale per la non autosufficienza ma, circoscrivendo la nostra attenzione territorialmente, dobbiamo rilevare come in Lombardia manchi ancora una cultura della disabilità. Basti pensare che le politiche pubbliche a favore delle persone con disabilità sono sotto-finanziate rispetto agli altri Paesi europei e l’erogazione dei servizi è sempre più carente.  L’offerta, col tempo, si è stabilizzata su servizi non personalizzabili che non consentono altre soluzioni alternative, soprattutto nei casi di disabilità intellettiva grave (le case famiglia o le piccole comunità alloggio rappresentano soltanto il 3,7% del totale dei servizi residenziali e non consentendo un sostegno intensivo risultano accessibili prevalentemente alle presone con disabilità moderata). Continua a leggere

“Sotto la neve pane”. Serata alla biblioteca di Lurate Caccivio venerdì 27 febbraio

ImmagineVenerdì 27 febbraio alle ore 21 presso la Biblioteca di Lurate Caccivio è stata organizzata una serata dedicata al passato agricolo del nostro territorio dove in modo sintetico si parlerà di cosa si coltivava nelle nostre contrade e dell’evoluzione delle colture nel corso del tempo. Un modo per rileggere la storia attraverso la principale attività quotidiana del tempo che fu, ovvero quell’agricoltura che è comunque al centro dell’ormai prossima EXPO di Milano. Appuntamento alle ore 21.

“La Grande guerra tra storia e memoria, tra mito e quotidianità”

ImmagineCon la collaborazione del Comune di Cernobbio il Centro Studi Raul Merzario e l’Istituto di Storia Contemporanea “P.A. Perretta” organizzano un ciclo di incontri d’approfondimento, “La Grande guerra tra storia e memoria, tra mito e quotidianità”, validi come corso d’aggiornamento per insegnanti,secondo il seguente calendario:

Primo incontro • 13 febbraio 2014 – La Prima Guerra Mondiale: origini del conflitto, le prime fasi della guerra, i fronti, la svolta finale. Matteo Dominioni

Secondo Incontro • 27 febbraio 2014 – La guerra a Como: l’onda lunga del conflitto in città. Il ruolo della Croce Rossa a Como durante la Prima Guerra Mondiale. Giorgio Cavalleri, Claudio Caporicci, Anna Galimberti

Laboratorio • 4 marzo 2014 – Prima guerra mondiale: le risorse didattiche della rete. Patrizia Di Giuseppe Percorsi ed esperienze didattiche sulla prima guerra mondiale nell’era del Web 2.0 Luca Piergiovanni • • • presso Istituto Pessina di Como [ore 16-19]

Terzo Incontro • 13 marzo 2014 – L’alimentazione al fronte e in città. I monumenti in ricordo della Grande Guerra. Laura Minoretti, Fabio Cani

Quarto Incontro • 27 marzo 2014 – Pacifismo e interventismo. Antonio Orecchia

Quinto incontro • 17 aprile 2014 – La Prima Guerra mondiale nei libri di testo della scuola elementare fascista. Roberta Cairoli

Sesto Incontro • 15 maggio 2014 – Interpretazioni della Grande Guerra. Matteo Dominioni

8 marzo: dieci anni dalla posa del bassorilievo di San Pietro da Verona nella stazione di Como San Giovanni in ricordo dell’antico monastero di San Giovanni in Pedemonte

Ferrovie dimenticateIl prossimo 8 marzo ricorrerà l’VIII Giornata delle Ferrovie Dimenticate, un momento che vede in tutta Italia l’organizzazione di diverse iniziative (escursioni, passeggiate in bicicletta lungo tratti ferroviari in abbandono, incontri, convegni, mostre fotografiche rievocative, sensibilizzazione verso le scuole, visite a impianti ferroviari ecc.) che hanno l’obiettivo di portare all’attenzione della popolazione, degli amministratori e dei media locali e nazionali il patrimonio ferroviario ‘minore’ che non solo non dovrebbe essere perduto ma dovrebbe anche essere posto al centro di una politica di rilancio della mobilità in numerosi territori. Il patrimonio ferroviario dismesso ammonta in Italia infatti a quasi seimila chilometri e tende ad aumentare in seguito alla costruzione di rettifiche o varianti di percorso o per la sospensione di tratte, sempre più per motivi economici. Continua a leggere