Il Como è tornato in serie B dopo 11 anni

calcio-comoEbbene sì, mi sono sentito “cattivo profeta” in buona compagnia anche con colleghi di altre testate più prestigiose e più accreditate. Ad essere molto generosi mi vengono in mente i paragoni con l’atteggiamento di quasi tutta la stampa italiana con la nazionale alla vigilia e durante la prima fase dei mondiali di Spagna ’82…anche se non sono mai stato così “cattivo”…anche perché non c’era ragione. In ogni caso riconosco di essere contento di essere stato smentito dai fatti.

Poco meno di due mesi, sulle pagine del “Settimanale”, ho sfogato la mia perplessità e delusione per il comportamento che il Calcio Como aveva dimostrato nel “gettare al vento” la finale di Coppa Italia di serie C contro il Cosenza e nel proporsi in campionato come un’eterna incompiuta, pur avendo le possibilità per far bene anche perché queste erano state mostrate seppur a sprazzi. Allora, reduci dal pareggio casalingo con l’Arezzo, le possibilità per accedere ai play-off erano infinitesimali. Inoltre l’accesso sarebbe stato da “ultima” e quindi con un cammino tutto in salita. Da allora, però, il Como non ha più sbagliato niente. Ha vinto ad Alessandria e convinto nelle ultime domeniche della stagione regolare strappando coi denti la qualificazione. Si è imposto a Benevento per 2-1 al 90°, unica delle sfide dei IV di finale conclusasi nei tempi regolamentari, opposto ad una squadra che aveva dato vita ad un intenso duello con la Salernitana poi promossa in B. Ha avuto ragione del Matera dopo due sfide al cardiopalma (entrambe conclusesi sull’1-1) con una prestazione, nella gara di ritorno, che aveva visto i lariani dominare l’ultima parte della sfida in trasferta e sprecare alcune occasioni limpide da gol per cui se il successo fosse arrivato non ai calci di rigore non ci sarebbe stato nulla da eccepire. Ha regolato il Bassano al Sinigaglia con un rotondo 2-0 con la consapevolezza che il risultato avrebbe potuto essere anche più rotondo anche perché la formazione giallorossa, giunta sì in coabitazione con il Novara al primo posto in campionato e non promossa a causa dei risultati avversi negli scontri diretti, era stata fino ad allora incapace di superare gli avversari in questi play-off (nel dettaglio Juve Stabia e Reggiana) se non ai calci di rigore. Ed il leit motiv non è cambiato. Domenica, nella località del famoso ponte, il Como ha tenuto a bada gli avversari, cedendo anche un po’ fisicamente nel finale, ma conservando lo 0-0 (confermando l’incapacità del Bassano di vincere in questo ultimo mese) e tornando in serie B dopo 11 anni. Un lungo periodo caratterizzato da diverse sofferenze sportive, con un fallimento alle spalle, i convulsi anni della serie D, la meteora II Divisione ed una Lega Pro che ha sempre visto gli azzurri recitare un ruolo di II piano. La promozione del Como quest’anno è arrivata con una squadra capace di vincere 13 volte in trasferta e che ha visto a gennaio il cambio di allenatore con Giovanni Colella dare spazio a Carlo Sabatini. Arrivato alla presidenza nel 2012, Pietro Porro aveva affermato: “Il nostro progetto è di tre anni: nel primo una salvezza tranquilla, nel secondo l’accesso ai play-off, nel terzo la serie B”. Detto..fatto. Complimenti ed applausi per lui e i suoi collaboratori nonché per una città ed un ambiente che hanno ritrovato una squadra ed un feeling perso dopo l’ultimo campionato meteora in serie A nel 2002/03. I debiti con il passato più recente del Como oggi sono stati definitivamente saldati. La serie B che attenderà il Como è un campionato difficile ma di questo si inizierà a pensarci tra un po’. Ora è il momento di festeggiare e per me di “cospargermi il capo con un po’ di cenere”…ma va bene così

(Luigi Clerici)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...