Diario di Guerra (1915-1918) La rivoluzione d’Ottobre

I russi, respinti dagli austro-tedeschi, sono sull’orlo del collasso nel 1917. Hanno avuto perdite immense in morti, feriti, prigionieri. Nell’esercito e fra la gente comune serpeggia la rivolta contro lo Zar. E’ un regime assolutista che si sta sfaldando, non rimpianto da alcuno. In marzo scoppia la rivoluzione. I servizi segreti tedeschi giudicano maturo il momento per intervenire. Forniscono il treno a Lenin che il 16 aprile viene trionfalmente accolto dalla popolazione a Pietrogrado. Questo capo rivoluzionario, che per anni aveva infiammato con i suoi scritti i comunisti russi, non conquista subito il potere; anzi deve tornare per qualche tempo alla clandestinità. Dopo l’abdicazione dello Zar, si insedia per qualche settimana un governo moderato, rovesciato in maggio da Kerensky, un politico non troppo privo di idee ma troppo debole per controllare la situazione.

E’ la Rivoluzione d’Ottobre, data storica del XX secolo, che porta Lenin al potere. Subito dopo cominciano le trattative con la Germania su una traccia già concordata con Berlino. Da quel momento la Russia sparisce dai fronti della guerra mondiale e gli austro-tedeschi possono rivolgere tutti i loro sforzi contro gli anglo-francesi.

Dieci giorni prima che Lenin giungesse alla stazione di Pietroburgo, il 6 aprile 1917, anche gli Stati Uniti erano entrati nel conflitto. Avevano già fornito enormi aiuti in denaro e merci a Parigi e Londra, consentendo ai due governi di far fronte a spese che altrimenti non avrebbero potuto sopportare. Però gli americani non erano ancora militarmente preparati, tanto che il loro apporto divenne decisivo in terra francese solamente nel 1918. Grazie ai loro sommergibili, che stavano facendo strage fra le navi dirette in Europa, i tedeschi speravano ancora di poter costringere gli avversari alla resa. Grazie a Lenin intere armate tedesche affluivano da Oriente dove i russi non combattevano più.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...