Cento anni fa “la grande guerra” – 11 novembre 1916

Al fronte

“La lotta si va svolgendo su tutta la fronte con una certa attività e più specialmente sul fronte nostro dove il nemico perde continuamente terreno, uomini, armi e munizioni.
Anche i francesi a Verdun hanno fatto un nuovo balzo in avanti ed hanno strappato ai tedeschi in poche ore tutte quelle posizioni che essi avevano conquistato a prezzo di sacrifici enormi durante otto mesi di lotta accanita.
I rumeni appoggiati dai russi hanno saputo fermare l’offensiva tedesco-bulgara in Dobrugia e tedesco-austro-ungarica in Transilvania, e riattaccando il nemico lo vanno combattendo in tutte le località.
Sul mare, i pirati della Kultur continuano a compiere le loro gesta e dall’aria vanno gettando bombe non sempre su opere fortificate. Squadriglie di nostre siluranti hanno compiuto un’audace escursione nel porto di Pola silurando una grossa unità austriaca la quale può chiamarsi fortunata per essersi salvata grazie alle reti che aveva tese tutto all’ingiro. Un nostro dirigibile ha bombardato il porto di Sebenico. Il numero totale dei prigionieri catturati dalle nostre truppe ascende a 40mila dal 6 agosto al 6 novembre (…)”.

A Cernobbio

Il prezzo del sale non sarà aumentato

“(…) per tagliar corto alla fantastica voce di un prossimo aumento del sale riportiamo il testo del seguente telegramma inviato alla Federazione Tabaccai: ’Inconveniente segnalato telegramma deriva evidentemente da falsa notizia corsa anche in Liguria prossimo aumento prezzo sale. Tale voce destituita fondamento venga smentita nel modo più assoluto’.

Nuova chiamata alle armi degli abitanti di Cernobbio, Piazza Santo Stefano e Rovenna

“Viene affisso oggi venerdì 11 novembre 1916 il manifesto di chiamata alle armi della terza categoria della classe 1878 fissata per il 15 corrente, giorno in cui i richiamati dovranno presentarsi ai relativi distretti”.

Divieto di esportazione di pomidoro e conserve

Il Municipio di Cernobbio “comunica che l’esportazione per qualsiasi destinazione dei pomidoro pelati e delle conserve di pomidoro di ogni specie (…) resta d’ora innanzi subordinata esclusivamente a particolari permessi del Ministero delle Finanze (Direzione Generale delle Gabelle). Sono state però eccezionalmente autorizzate le Dogane stesse a consentire l’uscita di quelle partite la cui spedizione diretta verso l’estero risulti dai documenti ferroviari accettata dalle stazioni di partenza entro il giorno 10 corrente”.

La guerra c’è ma la vita continua

Sotto il titolo “Irrendentismo?” de L’Araldo dell’11 novembre 1916 compare questa notizia: “A titolo di cronaca registriamo una voce che corre in paese. Gli abitanti delle frazioni Vergello e Crotti stanno facendo le pratiche per staccare le frazioni del Comune di Piazza ed unirle a quelle di Cernobbio”.
(riproduzione su autorizzazione dell’autore – Luigi Clerici)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...