Belle Epoque: tutto si evolve. La Como-Lecco no

Retrospettiva giornalistica della storia di questa linea ferroviaria (2)

«Invero è semplicemente enorme che un capoluogo di circondario come Lecco venga tanto distanziato dal suo capoluogo di provincia per colpa di comunicazioni insufficienti tanto più se si pensi che  Lecco dista da Como soli 30 chilometri». Così sul settimanale della Camera di Commercio di Lecco, “La Cronaca”, in data 27 giugno 1908 ci si esprime sui collegamenti tra i due principali centri del Lario. Ogni riferimento al servizio offerto dalla linea ferroviaria Como-Lecco è abbastanza esplicito in quanto la tramvia tra le due località non è ancora stata realizzata. Sono questi gli anni centrali della Belle Epoque, un periodo nel quale la società europea si evolve e guarda al futuro. Ed i mezzi di trasporto, treni in primis, come ormai accade da tanti lustri, continuano a fare notizia per le conquiste che seguitano a raggiungere. Questo, però, non è certo il caso della ferrovia Como-Lecco. È soprattutto nel 1910 che la linea sale nuovamente alla ribalta. Continua a leggere

Cento anni fa “l’ultimo anno di guerra” – Correva il giorno 27 aprile 1918

Dal fronte

Un bando del Comando Supremo

«Un bando del Comando Supremo contiene le seguenti disposizioni importanti e che è opportuno che tutti tengano presenti: 1. chiunque, nella zona di guerra, raccolga o detenga manifesti, manoscritti, stampati, fotografie ed altri oggetti lanciati dal nemico, e non ne faccia immediata consegna al più vicino Comando Militare o stazione dei Regi Carabinieri è punito col carcere militare, sempre che il fatto non costituisca reato più grave. 2. La cognizione del reato previsto nel precedente articolo appartiene ai Tribunali Militari di guerra».

A Cernobbio

Provvedimenti che urgono
«Bisogna che l’autorità comunale si interessi un po’ meglio a calmierare i prezzi di certi generi alimentari. La frutta, la verdura, i pesci non vengono da molto lontano e costano prezzi assolutamente enormi. Un provvedimento è necessario e sarà accolto con favore dalla popolazione».

La guerra c’è ma la vita continua

Il rifornimento per i villeggianti
«Un problema che bisogna risolvere è quello degli approvvigionamenti per i villeggianti. A tale intento sono già avvenute varie riunioni tra i sindaci di Cernobbio, Maslianico e Rovenna così che si spera tra non molto di poter arrivare ad una soddisfacente soluzione. Prevale l’idea di fornire ai villeggianti il pane dopo accordi col comune di Milano, mentre altri generi li procureranno a Milano tenuto conto che in media un paio di volte la settimana i villeggianti si recano nella loro città per attendere ai loro affari».

Un sentiero sul Bisbino non solo per salvarsi ma per trovare la felicità…la storia del Maggiore Tony Dobson

tony dobson 002Tony Dobson. Un nome inglese come tanti altri. Un nome comune tra le migliaia di soldati che hanno servito in guerra sua Maestà Giorgio VI, padre dell’attuale Regina Elisabetta II. Un nome che, a prima vista, non suscita alcuna particolare considerazione. Invece quest’uomo, Maggiore dell’esercito britannico, riuscì a salvarsi nelle settimane seguenti l’8 settembre 1943, grazie all’aiuto ricevuto sulle sponde del lago di Como. Aiuto che gli permise, attraverso i sentieri del monte Bisbino, di raggiungere non solo la salvezza ma, per quegli strani giochi che solo il destino sembra riservare alle persone, anche l’amore e la felicità La storia del maggiore Tony Dobson è stata scoperta e recuperata da Franco Edera, “anima” del Piccolo Museo del Monte Bisbino, un autentico scrigno di storie, testimonianze e ricordi della vita in questa zona del nostro territorio comasco, ubicato accanto al Santuario ed punto ristoro in vetta alla montagna. Continua a leggere

Nel crepuscolo del XIX secolo la Como-Lecco è sinonimo di lentezza e inaffidabilità

Retrospettiva giornalistica della storia di questa linea ferroviaria (1)

Appena costruita e già inaffidabile. Così può essere definito il servizio passeggeri lungo la linea ferroviaria Como-Lecco già nell’ultima parte del XIX secolo. Almeno questo è il giudizio che traspare dalle cronache d’epoca riportate da quotidiani e settimanali locali. A pochi anni dall’avvio del servizio di trasporto tra i due centri principali del Lario le notizie di stampa, infatti, non lesinano critiche e proteste: «Como, come capoluogo di provincia, è una delle città meno felici – si scrive sul quotidiano “La Provincia” il 16 gennaio 1893 -; gli altri centri di provincia sono centri di piccole reti ferroviarie. Invece Como è sempre più isolata: a Lecco vi si arriva prima in vettura (ovvero la carrozza a cavalli, ndr) piuttosto che in ferrovia. Ecco un grandioso ed utile argomento che dovrebbero studiare assieme le autorità locali, la stampa, il circolo dei Commercianti e la società pel Bene Economico di Como. Tutto attorno a noi si muove e s’agita e progredisce; conviene muoversi, agitarsi, progredire anche noi». Nonostante l’auspicio, però, le cose non sembrano destinate a migliorare. Qualche anno dopo, infatti, sotto il titolo “La linea ferroviaria Como-Lecco” in un articolo del quotidiano “La Prealpina” di Varese, allora territorio della Provincia di Como, datato 30 novembre 1899 si legge: «È generale il lamento della popolazione intorno agli orari della nuova linea Como-Lecco, testé aperta al pubblico. Figuratevi che il viaggio da Lecco a Como dura quasi tre ore, mentre la diligenza impiegava quattro ore e mezzo. Poi non ci sono che tre corse al giorno con pochissime coincidenze a Lecco colla linea di Bergamo ed a Como con quelle di Varese e Milano». Continua a leggere

Cento anni fa “l’ultimo anno di guerra” – Correva il giorno 20 aprile 1918

Dal fronte
Sul campo dell’onore

«La famiglia del soldato Alai Stellante ha avuto notizia giovedì che il bravo giovanotto venne colpito da una scheggia di granata ed è morto in un ospedale di Bologna. Alai Stellante modesto ed attivo lavoratore non aveva che amici perché col suo carattere sapeva farsi ben volere da tutti. Apparteneva all’arma del genio e stava al fronte dall’inizio della guerra. Deponiamo un fiore sulla sua fossa ed inviamo le nostre condoglianze alla famiglia che lo piange»

A Cernobbio

La qualità del pane

«Il Consorzio Granario, a dissipare giustificati sospetti avvalorati dalla scoperta delle note frodi, comunica che le indagini fatte in questi giorni presso mugnai e panettieri hanno sì messo in luce alcune frodi ma di entità affatto trascurabile. Il fatto più saliente rilevato a carico di una ditta esercente la molitura non ha relazione colla qualità del pane perché la ditta stessa sin dallo scorso agosto non macinava che farina da pasta. I maggiori rimarchi che vengono fatti contro la qualità del pane sono: la poca sapidità, il colore indefinibile e alquanto variabile, la imperfetta lievitatura e la insufficiente cottura. I primi due inconvenienti dipendono esclusivamente dalla qualità delle farine e sono purtroppo non eliminabili. Per approvvigionare i 511 comuni costituenti la nostra Provincia con una popolazione stabile di 632.000 persone ed una riuttuante di altre 9.000, occorrono al minimo 34mila quintali di grano al mese e  basando il calcolo su una razione giornaliera per persona di grammi duecento di pane, razione assolutamente irriducibile. Il Commissariato dei consumi non fu però mai in grado di fornire tutta questa quantità di grano e finora arrivò ad un massimo di q.li 29.000. Da ciò uno sbilancio mensile di circa q.li 5.000 di cereali panificabili. Causa questa deficienza, che, malgrado tutte le pratiche e proteste esperite, non fu mai possibile colmare, il Consorzio si trovò davanti ad un bivio penosissimo e ciò o di dovere ridurre la razione giornaliera di pane a poco più di 140 grammi per persona, o di provvedere a colmare la deficienza con surrogati, che ineccepibili da lato igienico, fossero atti alla panificazione. Il Consorzio Granario preferì appigliarsi a questa seconda soluzione, quale la più logica e la meno penosa per i cittadini, e come surrogati adottò la farina di granoturco e la farina di castagne nella proporzione complessiva del 15%. Questa percentuale così bassa non ebbe influenza apprezzabile sulla qualità del pane e il pubblico non l’avvertì. A principiare però dal febbraio scorso il Commissariato dei Consumi non si trovò più in grado di fornire il già insufficiente quantitativo di cereali per panificazione tutto in frumento, ma vi dovette sostituire a complemento  orzo, segale e ultimamente granoturco in larga dose. Ne derivò che quella percentuale di surrogati di frumento già adottata dal Consorzio Granario e non mai superiore al 15% aumentò fino a raggiungere oggi il 45% , dando così una miscela di farine, che se dal lato igienico non è criticabile, non è certamente l’ideale per una buona panificazione. Questa miscela per dare un pane passabile richiede una lavorazione molto maggiore e più diligente e una cottura più progressiva e prolungata».

La guerra c’è ma la vita continua

Contravvenzione

«La latteria di Cernobbio venne posta in contravvenzione perché vendeva latte annacquato. Il provvedimento ha destato in paese buona impressione e speriamo che si faccia sul serio in avvenire nella tutela della pubblica igiene ed economia».

Volume storico sulla Como-Lecco. La presentazione de “Il Settimanale”

In allegato l’articolo pubblicato sul sumero di giovedì 19 aprile 2018 de “Il Settimanale della Diocesi di Como” dedicato alla presentazione del volume “La ferrovia Como-Lecco. Tra ferro, legno e seta nel cuore della verde Brianza”.

La Ferrovia Como-Lecco

Il sogno della “Ferrovia Lariana” (lungo la sponda occidentale del lago) per fare concorrenza al “San Gottardo”

Percorso ferrovia LarianaSono ormai decenni che ogni minimo “intoppo” al tunnel del San Gottardo ha pesanti ripercussioni sulla viabilità della città di Como, ed in particolare dell’area di Lazzago e dei paesi limitrofi. Il traffico su gomma, nonostante i passi in avanti compiuti negli ultimi tempi grazie soprattutto all’apertura di Alptransit, costituisce ancora il mezzo insostituibile per assicurare il trasporto delle merci tra il nord ed il sud dell’Europa. Almeno fino a quando il tunnel non entrerà a pieno regime (e questo dovrebbe comunque aprire alle nostre latitudini una riflessione di natura politico-economica su dove i mezzi pesanti che quotidianamente assediano l’ingresso di Como Sud dell’Autostrada A9, saranno dirottati sui treni diretti oltre le Alpi). Eppure la storia di Alptransit, e del tunnel del San Gottardo in generale, avrebbe potuto essere ben diversa. Esattamente un secolo fa Como, infatti, fu al centro di un avveniristico progetto ferroviario che avrebbe dovuto mettere il nostro comprensorio in contatto con la Svizzera utilizzando però un itinerario differente a quello che noi tutti conosciamo. In questo caso, infatti, l’idea era sfruttare le possibilità offerte dallo Spluga per dar vita da una linea ferroviaria internazionale denominata “Ferrovia Lariana”. Continua a leggere

Cento anni fa “l’ultimo anno di guerra” – Correva il giorno 13 aprile 1918

In onore di un caduto
La cerimonia di domenica mattina in onore del compianto Porta Alessandro caduto sul campo dell’onore, è riuscita una nuova attestazione del patriottismo di Cernobbio nostra e della riconoscenza che essa nutre verso i suoi figli ch verano il proprio sangue per la Patria.

Panem nostrum quotidiano
Da qualche giorno il pane è immangiabile, malgrado tutta la buona volontà dei nostri prestinai i quali naturalmente non sanno far miracoli se le farine fornite dal Consorzio Granario sono pessime. A questo proposito, riceviamo questa lettera da un abbonato e la pubblichiamo ben volentieri: “A tempo perso mi diletto un po’ di chimica e ieri ho voluto prendermi il gusto di analizzare il pane portatomi dal prestinatio. Vuol sapere che cosa ho trovato? Erano rappresentati tutti i cereali e qualche cosa ancora, ma del frumento, nessuna traccia! E pensare che un decreto luogotenenziale prescrive che l’abburattamento della farina all’85%. Povero 85%. Povero frumento! Povera salute pubblica che per cura tutta speciale dell’eccelso Consorzio Granario deve sottostare a ben dure prove.

Distribuzione del lardo
In questa settimana venne distribuito il lardo, ma in misura tanto piccola che ormai è un caro ricordo del passato. Sappiamo che al Comune era stato promesso un quantitativo maggiore, che questo quantitativo maggiore già era stato pagato, ma che poi all’ultimo momento in Consorzio Granario ha fatto i comodacci suoi.

Calzature di Stato
Da più parti si domanda perché le calzature di Stato non sono poste in vendita anche nei comuni foresi. Si fa presente che, per disposizioni ministeriale, il quantitativo relativamente scarso di scarpe presentemente messe in vendita, è riservato, per ora, alle popolazioni urbane, anche perché le scarpe stesse sono più adatte alla popolazione civile urbana”. Questo comunicato è semplicemente ridicolo e varrà certo ad aumentare le lamentele della popolazione forese per la mancata vendita delle scarpe dello Stato. Di grazia, che cosa si pensa a Como? Si crede forze che oltre Villa Salazar e Camerlata non vi siano più popolazioni civili che si possano paragonare a quella urbana? E’ un po’ troppo, via, ed è curioso che tanta poca conoscenza delle condizioni della popolazione della Provincia si abbia da coloro che ci amministrano in nome del Governo. Aggiungiamo, anche che il contadino non acquisterebbe certo le scarpe di Stato quando le ritenesse non adatte ai suoi bisogni, ma lo farebbero invece l’operaio, l’impiegato e tutte le altre categorie di cittadini i quali godono gli stessi diritti della popolazione civile urbana,e non sono certo inferiori a questa per civiltà. La scusa è troppo meschina, e vogliamo sperare che venga presto un provvedimento atto a togliere un inconveniente che può sembrare una ingiustizia.

E’ passato tanto tempo da quel 12 aprile 1961

Il 12 aprile 1961 Yuri Gagarin ha aperto la via alle missioni umane di esplorazione dello spazio. A nemmeno quattro anni dal lancio dello Sputnik che aveva inaugurato l’era spaziale, era l’uomo a superare i confini dell’atmosfera. Un primato conquistato nel pieno della corsa allo spazio che vedeva Stati Uniti e Urss acerrimi rivali.
  “Vedo la Terra. È blu”. Con queste parole, Yuri Gagarin, all’epoca ventisettenne, sancisce l’alba di una nuova era. Gagarin percorre un’intera orbita ellittica intorno al nostro pianeta, alla velocità di poco più di 27 mila chilometri orari. L’altitudine massima dell’orbita è di 302 chilometri, la minima 175. Il primo volo umano nello spazio termina infine con l’atterraggio in un campo vicino alla città di Takhtarova. È durato meno di due ore, più che sufficienti per passare alla storia.
Per onorare lo storico viaggio del russo Gagarin, e il suo giro ellittico intorno alla Terra, l’Unesco ha designato il 12 aprile come “la giornata internazionale del volo dell’uomo nello spazio”.
Le immagini sono state scattate alla mostra “A Human Adventure” della Nasa che si è tenuta nello scorso autunno a Milano.

Il viaggio lungo 130 anni di una ferrovia tra ferro, legno e seta: la Como – Lecco

Copertina libro2Il 2018 costituisce un anno particolarmente significativo di ricorrenze relative a diverse linee ferroviarie che hanno avuto, o che recitano ancora, un ruolo nel deficitario (e non pienamente sfruttato) panorama del trasporto pubblico nel nostro territorio. Tra queste un ruolo di primo piano spetta alla linea ferroviaria Como-Lecco inaugurata 130 anni fa. Ci riferiamo alla strada ferrata considerata la “Cenerentola” dei collegamenti comaschi ma che, a differenza di altre, pur tra mille difficoltà ed altrettanti motivi di inaffidabilità, è ancora attiva. Un anniversario che due appassionati del mondo delle ferrovie, Roberto Ghioldi, presidente dell’Associazione Como in Treno, e Salvo Bordonaro, già presidente ed instancabile animatore del Treni Club Brianza, hanno voluto degnamente festeggiare dando alle stampe il volume “La ferrovia Como-Lecco – tra ferro, legno e seta nel cuore della verde Brianza”. Continua a leggere