Cento anni fa “l’ultimo anno di guerra” – Correva il giorno 13 aprile 1918

In onore di un caduto
La cerimonia di domenica mattina in onore del compianto Porta Alessandro caduto sul campo dell’onore, è riuscita una nuova attestazione del patriottismo di Cernobbio nostra e della riconoscenza che essa nutre verso i suoi figli ch verano il proprio sangue per la Patria.

Panem nostrum quotidiano
Da qualche giorno il pane è immangiabile, malgrado tutta la buona volontà dei nostri prestinai i quali naturalmente non sanno far miracoli se le farine fornite dal Consorzio Granario sono pessime. A questo proposito, riceviamo questa lettera da un abbonato e la pubblichiamo ben volentieri: “A tempo perso mi diletto un po’ di chimica e ieri ho voluto prendermi il gusto di analizzare il pane portatomi dal prestinatio. Vuol sapere che cosa ho trovato? Erano rappresentati tutti i cereali e qualche cosa ancora, ma del frumento, nessuna traccia! E pensare che un decreto luogotenenziale prescrive che l’abburattamento della farina all’85%. Povero 85%. Povero frumento! Povera salute pubblica che per cura tutta speciale dell’eccelso Consorzio Granario deve sottostare a ben dure prove.

Distribuzione del lardo
In questa settimana venne distribuito il lardo, ma in misura tanto piccola che ormai è un caro ricordo del passato. Sappiamo che al Comune era stato promesso un quantitativo maggiore, che questo quantitativo maggiore già era stato pagato, ma che poi all’ultimo momento in Consorzio Granario ha fatto i comodacci suoi.

Calzature di Stato
Da più parti si domanda perché le calzature di Stato non sono poste in vendita anche nei comuni foresi. Si fa presente che, per disposizioni ministeriale, il quantitativo relativamente scarso di scarpe presentemente messe in vendita, è riservato, per ora, alle popolazioni urbane, anche perché le scarpe stesse sono più adatte alla popolazione civile urbana”. Questo comunicato è semplicemente ridicolo e varrà certo ad aumentare le lamentele della popolazione forese per la mancata vendita delle scarpe dello Stato. Di grazia, che cosa si pensa a Como? Si crede forze che oltre Villa Salazar e Camerlata non vi siano più popolazioni civili che si possano paragonare a quella urbana? E’ un po’ troppo, via, ed è curioso che tanta poca conoscenza delle condizioni della popolazione della Provincia si abbia da coloro che ci amministrano in nome del Governo. Aggiungiamo, anche che il contadino non acquisterebbe certo le scarpe di Stato quando le ritenesse non adatte ai suoi bisogni, ma lo farebbero invece l’operaio, l’impiegato e tutte le altre categorie di cittadini i quali godono gli stessi diritti della popolazione civile urbana,e non sono certo inferiori a questa per civiltà. La scusa è troppo meschina, e vogliamo sperare che venga presto un provvedimento atto a togliere un inconveniente che può sembrare una ingiustizia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...