Cento anni fa “l’ultimo anno di guerra” – Correva il giorno 20 aprile 1918

Dal fronte
Sul campo dell’onore

«La famiglia del soldato Alai Stellante ha avuto notizia giovedì che il bravo giovanotto venne colpito da una scheggia di granata ed è morto in un ospedale di Bologna. Alai Stellante modesto ed attivo lavoratore non aveva che amici perché col suo carattere sapeva farsi ben volere da tutti. Apparteneva all’arma del genio e stava al fronte dall’inizio della guerra. Deponiamo un fiore sulla sua fossa ed inviamo le nostre condoglianze alla famiglia che lo piange»

A Cernobbio

La qualità del pane

«Il Consorzio Granario, a dissipare giustificati sospetti avvalorati dalla scoperta delle note frodi, comunica che le indagini fatte in questi giorni presso mugnai e panettieri hanno sì messo in luce alcune frodi ma di entità affatto trascurabile. Il fatto più saliente rilevato a carico di una ditta esercente la molitura non ha relazione colla qualità del pane perché la ditta stessa sin dallo scorso agosto non macinava che farina da pasta. I maggiori rimarchi che vengono fatti contro la qualità del pane sono: la poca sapidità, il colore indefinibile e alquanto variabile, la imperfetta lievitatura e la insufficiente cottura. I primi due inconvenienti dipendono esclusivamente dalla qualità delle farine e sono purtroppo non eliminabili. Per approvvigionare i 511 comuni costituenti la nostra Provincia con una popolazione stabile di 632.000 persone ed una riuttuante di altre 9.000, occorrono al minimo 34mila quintali di grano al mese e  basando il calcolo su una razione giornaliera per persona di grammi duecento di pane, razione assolutamente irriducibile. Il Commissariato dei consumi non fu però mai in grado di fornire tutta questa quantità di grano e finora arrivò ad un massimo di q.li 29.000. Da ciò uno sbilancio mensile di circa q.li 5.000 di cereali panificabili. Causa questa deficienza, che, malgrado tutte le pratiche e proteste esperite, non fu mai possibile colmare, il Consorzio si trovò davanti ad un bivio penosissimo e ciò o di dovere ridurre la razione giornaliera di pane a poco più di 140 grammi per persona, o di provvedere a colmare la deficienza con surrogati, che ineccepibili da lato igienico, fossero atti alla panificazione. Il Consorzio Granario preferì appigliarsi a questa seconda soluzione, quale la più logica e la meno penosa per i cittadini, e come surrogati adottò la farina di granoturco e la farina di castagne nella proporzione complessiva del 15%. Questa percentuale così bassa non ebbe influenza apprezzabile sulla qualità del pane e il pubblico non l’avvertì. A principiare però dal febbraio scorso il Commissariato dei Consumi non si trovò più in grado di fornire il già insufficiente quantitativo di cereali per panificazione tutto in frumento, ma vi dovette sostituire a complemento  orzo, segale e ultimamente granoturco in larga dose. Ne derivò che quella percentuale di surrogati di frumento già adottata dal Consorzio Granario e non mai superiore al 15% aumentò fino a raggiungere oggi il 45% , dando così una miscela di farine, che se dal lato igienico non è criticabile, non è certamente l’ideale per una buona panificazione. Questa miscela per dare un pane passabile richiede una lavorazione molto maggiore e più diligente e una cottura più progressiva e prolungata».

La guerra c’è ma la vita continua

Contravvenzione

«La latteria di Cernobbio venne posta in contravvenzione perché vendeva latte annacquato. Il provvedimento ha destato in paese buona impressione e speriamo che si faccia sul serio in avvenire nella tutela della pubblica igiene ed economia».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...