Quando la Provincia di Como decise di asfaltare la via Regina invece di privilegiare altre forme di trasporto

La storia della mobilità lungo la sponda occidentale del lago di Como, come abbiamo già avuto modo di vedere, è stata caratterizzata non solo da tante difficoltà ma da troppi progetti abbozzati e mai concretizzatisi. E se i lavori hanno visto la fine, certamente, il percorso di realizzazione non è mai stato lineare. Si pensi, ad esempio, alle lungaggini nella costruzione delle gallerie, da quella di Cernobbio alle più recenti in alto lago, per non parlare della vicenda (ancora tutta da definire nei dettagli) relativa alla cosiddetta variante della Tremezzina. Tra i “sogni” rimasti nel cassetto c’è stato il progetto di realizzare un tram elettrico tra Como ed Argegno. Continua a leggere

Annunci

Legge del Dopo di Noi e le difficoltà della vita quotidiana al centro “Giornata di primavera 2018” della FAND comasca

La sala conferenze delle Pinacoteca Civica di Como ha ospitato sabato 9 giugno il convegno al centro della tradizionale Giornata di primavera 2018 organizzata dalla FAND, la Federazione che riunisce in un unico soggetto le diverse associazioni storiche che da decenni si battono per i diritti dei disabili ovvero ANMIC (invalidi civili), ANMIL (mutilati del lavoro), UNS (sordi), UIC (ciechi e ipovedenti) e UNMS (mutilati per servizio). Quest’anno “Le famiglie dei disabili, esperienze di vita interna” è stato il tema su cui si è riflettuto e ci si è confrontati durante i lavori introdotti da Alessandra Locatelli, vicesindaco ed assessore alle politiche sociali e di sostegno alla famiglia del Comune di Como. Dopo una dettagliata descrizione dell’attuale offerta relativa a misure e strutture attualmente attivate da Regione Lombardia e dal Comune di Como in favore della categoria, l’attenzione si è poi focalizzata sulla legge del “Dopo di Noi” che,  in estrema sintesi, vuole assicurare un futuro a persone disabili prive del sostegno familiare attraverso interventi destinati a persone con handicap grave. In proposito va sottolineato come Regione Lombardia abbia indicato quale priorità in proposito interventi di natura strutturale (in particolare destinati a rendere abitazioni o appartamenti del tutto idonei) per chi non può permettersi un’abitazione nonché il sostegno del canone di locazione, o delle spese condominiali, verso invece chi ha già una sistemazione. Non vanno poi trascurati alcuni progetti finalizzati ad assicurare un sostegno ed un  aiuto all’autonomia in modo da emancipare il disabile dalla famiglia. Continua a leggere

I problemi di comunicazione lungo la sponda occidentale del lago di Como: una storia senza soluzione?

Le ultime conseguenze del maltempo sul traffico lungo la strada Regina hanno riproposto, come se ce ne fosse bisogno dopo il crollo del muro ad Argegno il 9 settembre 2017, il delicato equilibrio del traffico e dei movimenti sulla sponda occidentale del Lario. Senza scomodare casi eclatanti, come è stata la frana di Brienno nel 2011, praticamente ogni anno si verificano uno o più episodi che portano a pesanti ripercussioni sullo stato dei collegamenti tra Como e l’alto lago nonché tra i vari centri del Lario. Per non parlare poi dei disagi che hanno origine dal semplice riproporsi dei cantieri per la manutenzione delle gallerie poste lungo il tragitto, soprattutto tra Cernobbio e Brienno. Il rapporto tra la strada Regina ed il bisogno di movimento delle persone e delle merci, del resto, non è mai stato dei migliori in particolare a partire dall’età contemporanea, ovvero da quando non solo le carrozze a cavalli hanno iniziato a transitare lungo la storica strada. Una situazione caratterizzata da disagi e inconvenienti correlate alla popolosità della sponda occidentale del Lario ed alla sua conformazione per risolvere i quali sono state avanzate tante idee, buona parte delle quali rimaste sulla carta o solo abbozzate. Continua a leggere

Il binario Radetzky: quando da Camerlata gli austriaci fuggirono dopo la battaglia di San Fermo

Anche se non certo con la celerità che la cittadinanza (e soprattutto i pendolari) vorrebbero, i lavori per la futura stazione unica di Camerlata, lungo la direttrice della Chiasso-Como-Milano, proseguono. Una volta completata tornerà ad essere realtà una stazione che serve contemporaneamente le due principali direttrici verso il capoluogo lombardo della nostra città: quella, appunto, sulla linea delle Ferrovie dello Stato e quella per Saronno-Milano Cadorna delle Ferrovie Nord Milano. Tornerà, abbiamo scritto, perché la stazione unica non è una novità del XXI secolo bensì il recupero, in forme diverse, di uno stato di fatto già operativo a Como per più di un secolo. Stiamo parlando di quello che è passato allo storia come il “binario Radetsky”, attivo dal 1849 al 1965. Continua a leggere