Storia di Israele e del Sionismo – 08. V) La Guerra di Suez

La guerra del Canale di Suez (1956)

La guerra del Canale di Suez (1956)

Nel 1955 Ben Gurion torna al potere e decide di porre fine allo “stato di tranquillità” attaccando Gaza il 28 febbraio. Gli egiziani, provocati,  organizzano gruppi di volontari della morte, i fedàiyyin, per la guerriglia contro Israele. In più Nasser chiude lo stretto di Tiran, all’imbocco del golfo di Aqaba, unica via del mar Rosso per le navi verso Israele, dirette al porto di Eilat, cittadina lungo gli 11 chilometri di costa conquistati dall’Haganah nel 1947. Ben Gurion capisce così che l’unica soluzione per risolvere questa situazione è la guerra. Continua a leggere

Storia di Israele e del Sionismo – 06

Israele_Linee_Armistiziali_1949-1967III) La prima guerra arabo/israeliana (II parte)

Gli avvenimenti del 1947/48, che portarono alla nascita di Israele, sono anche alla base della questione arabo-israeliana, tuttora irrisolta. Due furono i problemi principali della guerra: quello dei profughi e quello delle frontiere. Secondo le cifre delle Nazioni Unite, 656.000 abitanti arabi della Palestina del mandato fuggirono dal territorio israeliano: di questi circa 350 mila si trasferirono in Transgiordania, 100 mila nel Libano, 4.000 in Iraq, 75 mila in Siria, 7 mila in Egitto e 190 mila nella striscia di Gaza. Se ne andarono per quattro ragioni: per evitare di restare uccisi nei combattimenti; perchè la loro amministrazione si era sfaciata; perchè così era stato loro ordinato, ingannati e indotti al panico dalle radio arabe; perchè furono messi in fuga precipitosa dall’idea dei massacri  perpretati dalle bande Irgun come quella del villaggio di Dier Yassin (9 aprile 1948). Dai paesi arabi arrivarono in Israele circa mezzo milione di profughi ebraici, quasi la stessa cifra dei primi. Ma il governo israeliano insediava sistematicamente tutti i profughi sul proprio territorio, mentre i governi arabi, con l’assistenza dell’ONU, tevano i profughi nei campi in attesa di una riconquista della Palestina che non si verificò mai. Perciò, in conseguenza dell’incremento naturale, sugli anni ‘80 c’erano più profughi di quanti ce ne fossero stati quarant’anni prima. Continua a leggere