Belle Epoque: tutto si evolve. La Como-Lecco no

Retrospettiva giornalistica della storia di questa linea ferroviaria (2)

«Invero è semplicemente enorme che un capoluogo di circondario come Lecco venga tanto distanziato dal suo capoluogo di provincia per colpa di comunicazioni insufficienti tanto più se si pensi che  Lecco dista da Como soli 30 chilometri». Così sul settimanale della Camera di Commercio di Lecco, “La Cronaca”, in data 27 giugno 1908 ci si esprime sui collegamenti tra i due principali centri del Lario. Ogni riferimento al servizio offerto dalla linea ferroviaria Como-Lecco è abbastanza esplicito in quanto la tramvia tra le due località non è ancora stata realizzata. Sono questi gli anni centrali della Belle Epoque, un periodo nel quale la società europea si evolve e guarda al futuro. Ed i mezzi di trasporto, treni in primis, come ormai accade da tanti lustri, continuano a fare notizia per le conquiste che seguitano a raggiungere. Questo, però, non è certo il caso della ferrovia Como-Lecco. È soprattutto nel 1910 che la linea sale nuovamente alla ribalta. Continua a leggere

Annunci

Nel crepuscolo del XIX secolo la Como-Lecco è sinonimo di lentezza e inaffidabilità

Retrospettiva giornalistica della storia di questa linea ferroviaria (1)

Appena costruita e già inaffidabile. Così può essere definito il servizio passeggeri lungo la linea ferroviaria Como-Lecco già nell’ultima parte del XIX secolo. Almeno questo è il giudizio che traspare dalle cronache d’epoca riportate da quotidiani e settimanali locali. A pochi anni dall’avvio del servizio di trasporto tra i due centri principali del Lario le notizie di stampa, infatti, non lesinano critiche e proteste: «Como, come capoluogo di provincia, è una delle città meno felici – si scrive sul quotidiano “La Provincia” il 16 gennaio 1893 -; gli altri centri di provincia sono centri di piccole reti ferroviarie. Invece Como è sempre più isolata: a Lecco vi si arriva prima in vettura (ovvero la carrozza a cavalli, ndr) piuttosto che in ferrovia. Ecco un grandioso ed utile argomento che dovrebbero studiare assieme le autorità locali, la stampa, il circolo dei Commercianti e la società pel Bene Economico di Como. Tutto attorno a noi si muove e s’agita e progredisce; conviene muoversi, agitarsi, progredire anche noi». Nonostante l’auspicio, però, le cose non sembrano destinate a migliorare. Qualche anno dopo, infatti, sotto il titolo “La linea ferroviaria Como-Lecco” in un articolo del quotidiano “La Prealpina” di Varese, allora territorio della Provincia di Como, datato 30 novembre 1899 si legge: «È generale il lamento della popolazione intorno agli orari della nuova linea Como-Lecco, testé aperta al pubblico. Figuratevi che il viaggio da Lecco a Como dura quasi tre ore, mentre la diligenza impiegava quattro ore e mezzo. Poi non ci sono che tre corse al giorno con pochissime coincidenze a Lecco colla linea di Bergamo ed a Como con quelle di Varese e Milano». Continua a leggere

Una sola linea di trasporto per collegare l’intera provincia di Como: il sogno della “Tramvia elettrica intercomunale” dell’Ing. Rossetti

il tracciato della tramvia elettrica intercomunale (linea continua) e l’evoluzione delle linee tramviarie del comasco secondo l’ing. Rossetti (riproposizione del 1911).

L’entrata in funzione della linea ferroviaria S40 di Tilo, che collega con il treno Como e Varese a 51 anni dalla chiusura della “Traversata” Grandate-Malnate delle Ferrovie Nord, è un nuovo tassello nel variegato programma di incentivazione del trasporto pubblico nel comasco. Un piano da anni affidato ad iniziative che, complice anche lo sviluppo urbanistico del territorio, non possono più essere oggetto di uno sviluppo armonico. Eppure la storia del trasporto pubblico in provincia avrebbe potuto essere ben diversa se già nella Belle Epoque non fossero stato commesso, più o meno intenzionalmente, un “peccato originale”. Continua a leggere

La “Leggenda” dal Piave al Lario

LeggendaLa vostra leggenda del Piave al fronte è più di un generale!… Così recita un telegramma, ora conservato presso il Museo delle Poste Italiane, scritto dal Comandante
del Regio Esercito, Armando Diaz, nel 1918 ed indirizzato ad “E. A. Mario”, pseudonimo sotto il quale si celava Giovanni Gaeta, autore del canto impegnato al fronte come volontario. La terza figlia del Maestro, Italia Terza Desiderata, insieme al nipote, Guido Nicolardi, da poco più un anno risiedono a Cernobbio. La località del Basso Lario era infatti molto apprezzata e frequentata negli anni ’30 del secolo scorso dal famoso compositore, autore di oltre 2.300 canzoni alcune delle quali molto popolari ancora oggi: «Mio padre amava Cernobbio ed il lago – racconta Italia Gaeta -, che anche io frequentai da bambina. Spesso veniva nel Comasco che era un territorio che lo aveva sempre affascinato durante i suoi viaggi di lavoro soprattutto dal 1930, quando aveva fondato una casa Editrice, la Edizioni Mario, a Milano ma aveva anche deciso di risiedere a Varese. In famiglia conserviamo ancora numerose sue cartoline spedite proprio da Cernobbio dove ora ci siamo trasferiti».

Continua a leggere

Frammenti di Guerra…riepilogo stampa dell’entrata in guerra dell’Italia

Ecco i pannelli dedicati alla stampa nei giorni dell’ingresso dell’Italia nel primo conflitto mondiale realizzati per l’esposizione “Frammenti di Guerra” promossa dal Comune di Cernobbio, presentata al pubblico in occasione dell’evento di lancio del “Diario di Guerra – Cernobbio 1915/1918” venerdì 22 maggio scorso, e che sarà visitabile presso la Biblioteca Comunale di Cernobbio (via Regina 5, I piano) dal prossimo 3 giugno a tutto settembre.

Corriere della Sera 23 maggio

Il Resto del Carlino 24 maggio

La Nuova Sardegna 24 maggio

L'Araldo 24 maggio

La Provincia 24 maggio

28 aprile 2014-28 aprile 1945 – Cronache di guerra – Antefatti politici

Como anni 30La conformazione geografica della provincia di Como fa assumere a questo territorio un’importanza particolare rispetto alle altre province italiane di confine. La provincia lariana, che al termine della prima guerra mondiale comprende anche l’attuale provincia di Varese[1], è delimitata a Nord dalla frontiera con la Svizzera, ad occidente dalle Prealpi lecchesi e ad oriente dal fiume Ticino che segna il confine tra la regione Lombardia ed il Piemonte. A Sud c’è la pianura della Brianza che porta a Milano.  Continua a leggere