Como-Lecco: l’obiettivo dichiarato è un suo rilancio per migliorare i collegamenti con la Brianza comasca. Intanto ad agosto si inizia ad intervenire sui binari

Como SG (15)E’ tornata prepotentemente alla ribalta ed il suo futuro potrebbe essere anche roseo. Stiamo parlando della linea ferroviaria Como-Lecco a proposito della quale si è svolto un importante incontro in Regione Lombardia lo scorso 17 giugno. Una riunione che segue analoghi incontri, anche locali, che si susseguono ormai dallo scorso mese di ottobre. Inoltre la linea sarà al centro di una manifestazione che si terrà ad Alzate Brianza il 5,6 e 7 settembre presso la stazione di Brenna-Alzata per la quale è prevista la partecipazione anche dell’Assessore regionale al Trasporti, Alessandro Sorte, nonché di tutti i sindaci dei Comuni interessati dal tracciato. La finalità di questo evento è quella di proseguire nel delicato e difficile cammino verso una maggiore valorizzazione di questo importante collegamento che, negli intenti manifestati fin dall’autunno dell’anno scorso, potrebbe diventare un vero e proprio servizio Suburbano, sul modello di quelli già attivi a Milano ed in altre zone lombarde, tra Erba e Como, sfruttando quindi l’intersezione in quel di Merone con la direttrice ex FNM per Canzo/Asso. Proposta alla mano: un cittadino potrebbe raggiungere lo scalo di Como San Giovanni (via Cantù) in poco meno di mezzora. Un’idea sostenuta con vigore soprattutto dai Comuni di Merone e Cantù e dall’Amministrazione Provinciale di Como. Continua a leggere

Annunci

Arcisate-Stabio, Svizzera preoccupata per i costi di gestione di un’opera incompiuta

ImmagineMentre il territorio comasco si appresta a vivere l’agognata cerimonia di inaugurazione dell’A59, ovvero del primo tratto della tangenziale di Como inserita nel sistema viabilistico dell’autostrada Pedemontana, fosche nubi incominciano ad addensarsi su un progetto di mobilità frontaliera peraltro ancora incompleto. Stiamo parlando della linea ferroviaria Mendrisio-Stabio che, prima o poi, arriverà anche ad Arcisate e Varese ma che al momento collega il paese di confine limitrofo alle province di Como e Varese con Chiasso. Sul banco degli imputati ci sono i costi annuali di gestione di questa linea che, ovviamente incompleta, risultano assai più consistenti rispetto ai ricavi. Una recente interrogazione presentata al Governo della Repubblica del Canton Ticino ha infatti quantificato in 1,77 milioni di franchi il costo annuale di gestione della linea contro un introito stimato in soli 340mila franchi. E siccome gli organismi elvetici sono molto sensibili ai conti economici la loro preoccupazione, proiettata verso gli scenari futuri, non è certo destinata a mitigarsi di fronte all’impasse ed alle difficoltà che stanno caratterizzando lo “stato dei lavori” di questa linea ferroviaria sul fronte italiano. Continua a leggere

Treni: ecco le 10 linee ferroviarie peggiori d’Italia

circumvesuvianaLa Circumvesuviana, la Roma Nettuno, la Padova-Calalzo, la Potenza-Salerno, ma non solo. Legambiente ha elaborato una selezione delle tratte ferroviarie pendolari peggiori d’Italia, tra riduzioni delle corse, lentezza, disservizi e sovraffollamento: una triste classifica presentata dall’associazione ambientalista nell’ambito della sua campagna Pendolaria, dedicata alla mobilità sostenibile e ai diritti di chi ogni giorno si sposta in treno. Continua a leggere

La ferrovia tra Mendrisio e Varese sta diventando un vero incubo

Immagine

Da “Il Settimanale della Diocesi di Como” del 25 maggio 2012

Non è certo una primavera incoraggiante, quella che stiamo vivendo, per i trasporti pubblici locali. Le notizie, infatti, sembrano essere caratterizzate da una negatività diffusa. I disagi, per i pendolari, sono all’ordine del giorno con l’apice raggiunto la scorsa settimana in seguito al deragliamento di un convoglio sulla linea FNM Saronno-Como in quel di Rovellasca. Ma a destare le maggiori preoccupazione è un infrastruttura strategica non solo per l’area insubrica bensì per la Lombardia occidentale e per il Canton Ticino, ovvero l’intricata situazione in cui si trovano i lavori di realizzazione della linea ferroviaria Mendrisio-Stabio-Varese, almeno per ciò che concerne il lato italiano. Continua a leggere