Il sogno della “Ferrovia Lariana” (lungo la sponda occidentale del lago) per fare concorrenza al “San Gottardo”

Percorso ferrovia LarianaSono ormai decenni che ogni minimo “intoppo” al tunnel del San Gottardo ha pesanti ripercussioni sulla viabilità della città di Como, ed in particolare dell’area di Lazzago e dei paesi limitrofi. Il traffico su gomma, nonostante i passi in avanti compiuti negli ultimi tempi grazie soprattutto all’apertura di Alptransit, costituisce ancora il mezzo insostituibile per assicurare il trasporto delle merci tra il nord ed il sud dell’Europa. Almeno fino a quando il tunnel non entrerà a pieno regime (e questo dovrebbe comunque aprire alle nostre latitudini una riflessione di natura politico-economica su dove i mezzi pesanti che quotidianamente assediano l’ingresso di Como Sud dell’Autostrada A9, saranno dirottati sui treni diretti oltre le Alpi). Eppure la storia di Alptransit, e del tunnel del San Gottardo in generale, avrebbe potuto essere ben diversa. Esattamente un secolo fa Como, infatti, fu al centro di un avveniristico progetto ferroviario che avrebbe dovuto mettere il nostro comprensorio in contatto con la Svizzera utilizzando però un itinerario differente a quello che noi tutti conosciamo. In questo caso, infatti, l’idea era sfruttare le possibilità offerte dallo Spluga per dar vita da una linea ferroviaria internazionale denominata “Ferrovia Lariana”. Continua a leggere

Annunci

Como rischia dunque di perdere il treno?

trenordLe infrastrutture di collegamento tra Italia e Svizzera e lo stanziamento di 1,5 milioni di euro per garantire i collegamenti lungo la direttrice Milano-Como-Chiasso. Questi i principali temi dell’incontro tra l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Maurizio Del Tenno e il nuovo Consigliere di Stato del Canton Ticino Claudio Zali. Continua a leggere

Dalla Svizzera una scommessa per il trasporto delle merci nel Comasco

Treno merciUna recente statistica elaborata dal Governo cantonale del Ticino evidenzia come un viaggio su otto in automobile finisca dopo solo un chilometro, il 30% dei viaggi non sono più lunghi di tre chilometri e solo il 33% supera i 10 chilometri. Se questi numeri valgono da Chiasso a nord, sicuramente la situazione nel Comasco non è molto differente. Continua a leggere

Risanamento della galleria del S. Gottardo in linea con la strategia energetica del Consiglio federale

tunnel-stradale-san-gottardoLa questione del risanamento della galleria del S. Gottardo in questi giorni è tornata d’attualità. Il Consiglio federale svizzero aveva già affermato che gli accertamenti tecnici sono conclusi e si deve ora prendere una decisione politica. L’Associazione elvetica “RailValley” è del parere che manca soprattutto una visione orientata al futuro. Continua a leggere

Accordo tra Italia e Svizzera per i collegamenti internazionali ferroviari delle merci. Sì alla riqualificazione della tratta Chiasso-Como-Milano

Logo_Alptransit120 milioni di euro per gli adeguamenti delle gallerie sulla linea ferroviaria della sponda orientale del lago Maggiore (di fatto da Luino a Gallarate) assicurati dal Governo elvetico mentre l’Italia investirà 40 milioni di euro sulla tratta Milano-Como-Chiasso. E’ questo il contenuto dell’accordo tra Svizzera e Italia circa il finanziamento delle opere di ampliamento ferroviario sull’asse Basilea-Nord Italia. Il governo elvetico, infatti, auspica che entro il 2020 sia operativo un corridoio ferroviario da quattro metri che da Basilea e raggiunga l’area settentrionale del nostro Paese passando per le gallerie di base del San Gottardo e del Monte Ceneri. Continua a leggere

990 milioni di franchi per ampliare il San Gottardo

Treno merciL’asse ferroviario del San Gottardo deve essere adattato al trasporto di semirimorchi con un’altezza agli angoli di 4 metri per agevolare il trasferimento delle merci dalla strada alla ferrovia. Il Consiglio degli Stati ha deciso di stanziare 990 milioni di franchi per intervenire in questo senso. Oltre un quarto del totale – 280 milioni, ossia 50 milioni in più del previsto – è destinato a lavori su territorio italiano. La somma comprende anche 10 milioni di franchi per l’adeguamento della vecchia tratta del Ceneri, il cui stanziamento è stato accolto con 26 voti contro 10. Quest’ultima proposta, contestata dalla commissione preparatoria e temuta in Ticino, era sostenuta dal governo, che vede nel terminal di Lugano Vedeggio un possibile ripiego in caso di ritardi da parte italiana nella costruzione di un terminal per il traffico combinato nella zona di Milano. Gli oppositori ritengono che si tratti di un cattivo segnale lanciato nei confronti della vicina Penisola. Più in generale, nessuno ha contestato la necessità di adattare il corridoio nord-sud, visto l’atteso aumento del traffico merci, che dovrebbe crescere del 50% entro il 2030 dopo l’apertura della galleria di base del San Gottardo. Continua a leggere

Tempo di infrastrutture tra Como e Ticino in vista di EXPO 2015

Verso-expo-2015-e1311084576836Pubblicato su “Il Settimanale della Diocesi di Como” del 21 settembre 2013

L’appuntamento con EXPO 2015 si avvicina. Mancano infatti poco più di 18 mesi all’apertura dell’esposizione universale ed a cavallo del confine proseguono iniziative e programmazioni in vista di questo evento di portata mondiale. E’ infatti da interpretare in questa prospettiva il prossimo accordo interministeriale tra Italia e Svizzera in tema di infrastrutture, in particolar modo ferroviarie. Continua a leggere