Storia, arte, ricordi: il Piccolo Museo del Bisbino, uno scrigno di tesori che vuole crescere

ImmagineIn attesa di poter aprire al pubblico una nuova  sala dedicata alla grande collezione di fossili donata dagli eredi dell’appassionato comasco Flavio Ferrè, il Piccolo Museo del Bisbino ha recentemente aperto i propri battenti ad una nuova esposizione temporanea d’arte ovvero “Maurizia e il cielo” che presenta alcune opere dell’artista di Sagnino, Maurizia Sala. Una mostra affascinante che ben si inserisce tra i numerosi e variegati cimeli che sono esposti nelle due sale sul retro del Santuario della Beata Vergine del Bisbino.

Continua a leggere

Annunci

28 aprile 1945-28 aprile 2014: 2) Cenni di “ventennio” nel Comasco

Manifestazione davanti alla Casa del Fascio per l'annuncio della conquista dell'Etiopia (1936)

Manifestazione davanti alla Casa del Fascio per l’annuncio della conquista dell’Etiopia (1936)

Il 1924 è l’anno che vede instaurarsi la dittatura fascista con lo scioglimento di tutti i partiti ed i sindacati, l’abolizione del diritto di sciopero e la forte limitazione della libertà di stampa[1]. A Como segretario locale del Partito Fascista è Alessandro Tarabini[2], inviso alla maggioranza delle camice nere lariane. L’astio ed il sospetto nei suoi riguardi porteranno allo scioglimento della federazione provinciale nell’agosto 1929 ed al suo commissariamento straordinario. Ma negli anni in cui Tarabini può adempiere al proprio dovere non si può non rilevare come il P.N.F. fosse molto attivo a livello propagandistico anche se il “ras” non riuscì a colmare l’effettivo distacco esistente tra la maggioranza della popolazione ed i rappresentanti istituzionali fascisti. Continua a leggere

Immagini dalla presentazione del pieghevole sui congedi parentali

foto 6Tutte le informazioni utili per usufruire dei congedi parentali esposte in un linguaggio semplice e diretto. La terza edizione del pieghevole “Congedi dei genitori”, promosso da Comune di Maslianico e ACLI Como, con il patrocinio dei Comuni di Cernobbio, Malnate, San Fedele Intelvi, Uggiate Trevano, della Camera di Commercio di Como, di ACLI Lombardia e della Direzione Territoriale del lavoro di Como, è stata presentata quest’oggi nella suggestiva cornice liberty di Villa Bernasconi a Cernobbio. Continua a leggere

Como rischia dunque di perdere il treno?

trenordLe infrastrutture di collegamento tra Italia e Svizzera e lo stanziamento di 1,5 milioni di euro per garantire i collegamenti lungo la direttrice Milano-Como-Chiasso. Questi i principali temi dell’incontro tra l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Maurizio Del Tenno e il nuovo Consigliere di Stato del Canton Ticino Claudio Zali. Continua a leggere

Da giugno due soli Eurocity si fermeranno a Como San Giovanni

EurocityDal prossimo giugno il servizio dei treni EC sulla tratta Como – Milano subirà una drastica riduzione del servizio. Secondo quanto riportato sulla tabella orario della compagnia svizzera, unica disponibile, solo due treni eurocity continueranno a fermare Como. “Uno scenario preoccupante sia per i pendolari che si ritroveranno con un offerta di treni dimezzata – spiega il consigliere regionale Luca Gaffuri – e al tempo stesso una scelta da parte di Trenitalia inspiegabile visto che di “cancella” Como dalla line ferroviaria a lunga percorrenza proprio alle porte di Expo, con evidenti ricadute negative sull’economia del nostro territorio.” Continua a leggere

Dalla Svizzera una scommessa per il trasporto delle merci nel Comasco

Treno merciUna recente statistica elaborata dal Governo cantonale del Ticino evidenzia come un viaggio su otto in automobile finisca dopo solo un chilometro, il 30% dei viaggi non sono più lunghi di tre chilometri e solo il 33% supera i 10 chilometri. Se questi numeri valgono da Chiasso a nord, sicuramente la situazione nel Comasco non è molto differente. Continua a leggere

Risanamento della galleria del S. Gottardo in linea con la strategia energetica del Consiglio federale

tunnel-stradale-san-gottardoLa questione del risanamento della galleria del S. Gottardo in questi giorni è tornata d’attualità. Il Consiglio federale svizzero aveva già affermato che gli accertamenti tecnici sono conclusi e si deve ora prendere una decisione politica. L’Associazione elvetica “RailValley” è del parere che manca soprattutto una visione orientata al futuro. Continua a leggere