L’Esposizione Agraria e della Villeggiatura del 1909: quando Como promuoveva la natura nella Belle Epoque

ArticoloOrticolario è un evento che ha saputo destare l’attenzione, peraltro mai sopita, da parte del pubblico verso la natura, il giardinaggio, i fiori e a tutto l’ambiente che ha sempre ricoperto un ruolo importante tra le passioni dei comaschi anche in tempi “inusuali”. In passato, ovvero quando l’attenzione politico-economica del comprensorio era quasi esclusivamente rivolta allo sviluppo industriale del territorio, Como ospitò eventi di successo dedicati alla natura ed al turismo. È questo il caso in particolare dell’”’Esposizione Agraria e della Villeggiatura”, una grande manifestazione che nel mese di settembre del 1909 animò tutta la città. Un evento di portata nazionale che, come rilevarono le cronache d’epoca nel loro linguaggio aulico, segnò «per Como il trionfo della villeggiatura, poiché le cospicue ville che ne infiorano il lago ed i sontuosi alberghi sono gremiti di villeggianti e di forestieri». Continua a leggere

Annunci

In tre mesi 470mila turisti sono arrivati sul lago di Como in treno.

Treno regionaleLo rivelano i dati di Trenord. I numeri riguardano solo i biglietti singoli venduti nei mesi di giugno, luglio e agosto. Nel trimestre sono stati acquistati oltre 700mila biglietti per raggiungere una delle 16 destinazioni servite da Trenord sui laghi
di Como, d’Iseo, Garda e Maggiore.  Continua a leggere

Ad Erba in treno o in bicicletta

Stato attuale della stazione di Erba

Stato attuale della stazione di Erba

In questi giorni ad Erba si sta alzando il sipario su due progetti che interessano la mobilità su due ruote e la riqualificazione della stazione ferroviaria. Continua a leggere

Verso il primo centenario della Grande Guerra

PiaveL’ormai prossima commemorazione del centenario della prima guerra mondiale (1915-2015) offre l’occasione per riscoprire la Frontiera Nord, la popolare “Linea Cadorna”, un sistema di beni culturali unico nel suo genere, e tra i più belli ed  interessanti del nostro territorio regionale. Un bene, meglio un florilegio di valori ambientali e storico culturali, tanto ampio e diffuso quanto tuttora poco conosciuto, raccontato e visitato. Eppure si tratta di un complesso di opere militari immenso, fitto di forti, postazioni, trincee, gallerie, sentieri e strade militari, realizzato dal popolo lombardo nei primi due decenni del Novecento per proteggere il confine italiano, lungo crinali, su terrazze naturali, verso laghi e prati di fondovalle, dalla Val d’Ossola fino al Passo dello Stelvio. Continua a leggere